Le pagelle di A. Lucchini - LUGER  P 08

Tutti  conoscono , chi più chi meno, la fama di questa splendida pistola; non è mia intenzione tracciarne qui la storia, che trovate su molti ottimi libri , bensì descrivere i quattro modelli  che, a mio parere, sono i più tradizionali e disponibili per tutti gli appassionati.

 

 

Questa che vedete è una delle primissime modello P.08 che l’impero tedesco acquistò per il suo esercito.  Dalla matricola “b 2739” si evince che fu prodotta nella primavera del lontano 1912. Essa porta , inoltre, incisa in corsivo nella parte anteriore dell’impugnatura, il grado del tenente del  III°  reggimento di cavalleria della Baviera cui essa fu destinata ( Dai precisi archivi tedeschi  potremmo anche conoscerne il nome….).

Ingrandendo la foto si vedono i tre marchi imperiali punzonati sia sulla canna che sul castello.

 

 

 

 

 

 

Sulla barra orizzontale si legge , in inglese, “NON COMMERCIABILE”, segno che essa fece parte del  bottino di guerra degli  inglesi ;  fu da questi  reimpiegata nella seconda guerra mondiale in Israele come testimonia il marchio impresso sul lato opposto del castello .

Venne  acquistata da Armando Piscetta, allora creativo  e geniale titolare della  “ADLER” , dagli arsenali albanesi  a prezzo di rottame, con tante altre in un intero container .  Armando, dopo averla  ritubata in calibro 7,65 Para me la cedette per pochi denari ; ed io, creando raccapriccio tra i collezionisti “puri” come il nostro prof. P…. (  n.d.r : da cui ci aspettiamo il contradditorio ), feci modificare dal bravissimo Colet mirino e tacca di mira allo scopo di ottenere

massima precisione .

Questa pistola ancora oggi permette ad un buon tiratore di sfidare QUALUNQUE altra arma corta, pur essendo ormai  “centenaria”.

E’ consumata e strausata ma ha uno scatto ottimo, cristallino, ha mire competitive, camera il calibro più preciso tra tutte le armi corte ovvero il 7,65 para, impugnatura  inclinata….

 Il bersaglio testimonia che la Luger   è , e non fu, un capolavoro.

Voto :  9-10

 

Sei qui: Home News Storia e collezionismo Le pagelle di A. Lucchini - Luger P 08

Contatti